Magazine

LA MISURA DELL’ERRORE, Tirelli racconta Antonio Latella Di Antonio Tedesco CondividiTweetCondividi La misura dell’errore è un libro in forma di intervista attraverso il quale il curatore Emanuele Tirelli ripercorre la carriera di Antonio Latella. A partire dagli esordi, dai primi segnali di una vocazione forte, tanto da spingerlo a interrompere gli studi regolari per seguire dei corsi di infermiere e avere così un lavoro con cui pagarsi le lezioni di recitazione. Figlio di operai meridionali

EDUARDO, ARTISTA MULTIMEDIALE

EDUARDO, ARTISTA MULTIMEDIALE di Antonio Tedesco CondividiTweetCondividi L’arte di Eduardo – forme della messinscena, pubblicato nel settembre 2017 da Luigi Pellegrini Editore (pagg. 522 – € 20,00), è il secondo volume, frutto di un lavoro sviluppatosi nel 2014, in occasione del trentennale della scomparsa del grande attore e drammaturgo napoletano e partito su iniziativa dell’Università della Calabria nell’ambito di un progetto più ampio intitolato “I giorni e le notti – L’arte di Eduardo”, curato da
LACARMEN di Moscato, Mérimée trasportato in una Napoli tra il Dopoguerra e il post terremoto dell’80 di Antonio Tedesco CondividiTweetCondividi Un testo teatrale che si legge come un lungo racconto. Che incrocia e mette a confronto più piani narrativi. Stratificando tempi e ambientazioni diversi per una storia che ha la forza dell’archetipo. Ha un valore specifico proprio, indipendente dalle finalità di messa in scena per cui è stato concepito, questo testo di Enzo Moscato intitolato
LA MALAVITA l’ultimo inedito di Francesco Mastriani CondividiTweetCondividi La malavita di Francesco Mastriani, edizioni Guida, è un romanzo inedito del grande narratore napoletano che, per la prima volta, descrive e denuncia quel disastrato stato sociale in cui attecchisce la camorra. Se la vicenda si snoda intorno a una storia d’amore travagliata tra due giovani, sullo sfondo appaiono scene di iniziazione alla malavita e di giuramenti di fedeltà, mentre si raccontano eclatanti episodi della criminalità napoletana
DOPO EDUARDO l’antologia critica sul teatro dagli anni ’80 ad oggi a cura di Luciana Libero CondividiTweetCondividi Primo volume della collana dedicata al Teatro, e secondo della linea SERIE ORO ideata e diretta dalla giornalista Anita Curci, in collaborazione con la casa editrice Apeiron e la Fondazione Eduardo De Filippo, DOPO EDUARDO – Trenta anni di Nuova Drammaturgia a Napoli, è un’antologia critica di teatro, curata da Luciana Libero. A trenta anni dal suo fortunato
EUSAPIA PALLADINO di Alexandra Rendhell, la vita di una donna che fece parlare di sé il mondo intero CondividiTweetCondividi La biografia di Eusapia Palladino, nel libro di Alexandra Rendhell Eusapia Palladino – La medium star disperazione della scienza, edizioni Apeiron, viene ritessuta per la prima volta con l’aiuto di inediti documenti d’archivio, che fanno ripercorrere, proprio come si svolse davvero, la vita da romanzo di una donna che fece parlare di sé il mondo intero
CANZONIERE NAPOLETANO di Mario Lepre, più di una piccola enciclopedia illustrativa ed etimologica CondividiTweetCondividi Il Canzoniere napoletano – Piccola enciclopedia illustrativa ed etimologica delle canzoni di Napoli, di Mario Lepre, edizioni Apeiron, è un’opera in due volumi (909 pagine totali), unica nel suo genere, corredata di immagini antiche di Napoli, dove l’autore esamina in modo originale più di mille brani selezionati nell’ampio universo della canzone napoletana, privilegiando il periodo classico ma con diversi excursus dalle

BLU OLTREMARE

BLU OLTREMARE Anna Mozzi, Apeiron Edizioni, Napoli, 2018 Servizio di Bruno Sacco CondividiTweetCondividi Queste poesie di Anna Mozzi, così spesso illuminate da audaci intuizioni ossimoriche, nascono (o almeno a me sembrano nascere) proprio da un ossimoro fondamentale: il mare come vita e morte, bellezza e tragedia, luce accolta e luce smarrita, forse anche indifferenza e pietà, un elemento la cui quintessenza si concentra in misteriose fragili creature, le diatomee, mirabili organismi unicellulari paragonabili a miriadi di màndala in cui si raccoglie